La qualità

Per riconoscere una maiolica di qualità bisogna usare alcuni accorgimenti fondamentali nell’osservazione e nell’analisi di alcuni particolari dettagli che andremo ad elencare.
Il primo aspetto costituisce l’uso di argilla rossa, qualitativamente migliore, che conferisce alla maiolica una struttura più solida a differenza delle argille bianche, chiamate terraglie, molto più fragili e delicate. L’argilla rossa è visibile al di sotto di ogni prodotto.
Il secondo aspetto fondamentale per riconoscere un prodotto fatto a mano è la superficie del biscotto sia interno che esterno dove devono comparire i segni e le tracce lasciate dalla mano dell’artigiano durante il processo di lavorazione al tornio.
In ogni pezzo deve comparire il marchio della ditta produttrice, collocato in appositi spazi o campi, in modo tale che si possa identificare il produttore, o la bottega d’arte. Il nome, la sigla o il segno d’iscrizione, che di solito si trova in fondo all’articolo, deve avere la proprietà indelebile, cioè “cotta al forno”. Diffidare assolutamente di applicazioni posticce come adesivi o marchi a stampo.
Il quarto accorgimento è l’aspetto estetico, il prodotto ceramico deve essere riconoscibile come maiolica dipinta a mano, si sa che un articolo non prodotto in serie possiede delle imperfezioni , per questo motivo le impercettibili anomalie sono la garanzia di un prodotto fatto a mano.
L’ultimo e più importante aspetto è senza dubbio la qualità pittorica ed estetica del prodotto ceramico. Una buona pittura è riconoscibile dalla sua precisione nei segni, nella cura dei dettagli e dalla presenza di contorni sottili e ben definiti, nonché dalla varietà dei colori, delle sue diverse tonalità e dall’ampiezza della superficie decorata. E soprattutto se rappresenta una importante e scuola o bottega artistica.